Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Novembre 2018

Fusione tra Confidi Friuli e Confidi Pordenone


Il prossimo 26 novembre l’Assemblea Straordinaria del Confidi Friuli delibererà la fusione con il Confidi Pordenone. Il Consorzio manterrà la denominazione di Confidi Friuli, avrà un patrimonio di oltre 30 milioni di euro, sarà vigilato dalla Banca d’Italia, con 110 milioni da garanzie in essere e 162 milioni di attività finanziarie aggregate.

Massimo Paniccia, Presidente dell’Associazione Piccole e Medie Industrie del Friuli Venezia Giulia – CONFAPI FVG:

“Qualunque operazione, anche nel settore finanziario, vada a vantaggio del sistema delle piccole e medie imprese non può che essere visto favorevolmente.

L’operazione di fusione dei consorzi deve sì tradursi in una razionalizzazione organizzativa, di costi, in un rafforzamento patrimoniale e in un maggior peso delle garanzie offerte, ma deve anche comportare effettivi vantaggi per le imprese della regione, in termini di riduzione degli oneri di procedura e dei tempi per il rilascio delle garanzie, in una fase in cui i consorzi di garanzia fidi locali, per vari motivi, hanno perso attrattività nei confronti delle stesse.

In parallelo, da parte nostra, vi è il convinto impegno di valorizzare il ruolo e le funzioni del nostro Confidi nei confronti delle imprese e del sistema bancario”.