Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Aprile 2021

Ispettorato Territoriale del Lavoro di Udine-Pordenone

Indagine di mercato ricerca immobile per locazione passiva ad uso pubblico

L’Ispettorato Territoriale del lavoro di Udine-Pordenone ci ha comunicato di avere la necessità di individuare un immobile da condurre in locazione passiva, per adibirlo a propria sede.

La ricerca è volta a individuare un immobile sul territorio comunale di Udine, già edificato al momento del presente avviso o comunque disponibile a partire dal giorno 30 dicembre 2022, idoneo all’uso come Ufficio Pubblico.

Saranno considerate ammissibili anche proposte di immobili o porzioni di immobili da ristrutturare o in fase di ultimazione, per i quali la proprietà si impegna a realizzare, a propria cura e spese, le opere necessarie a rendere l’immobile conforme alle disposizioni di legge, ai requisiti richiesti e/o ad ulteriori richieste della Amministrazione.

REQUISITI DELL’IMMOBILE

A) Requisiti generali:

  • Indipendenza del fabbricato (fabbricato preferibilmente cielo-terra oppure porzione, con autonomia impiantistica e di accessibilità e con limitatezza di spazi condominiali);
  • Agevole fruibilità di aree parcheggio.

B) Requisiti dimensionali e funzionali:

  • Superficie complessiva lorda di circa 875+100 mq (ad esclusione degli spazi destinati a parcheggi, porticati, cortili, giardini, balconi, terrazzi e locali tecnici) e comprendente almeno:
  1. Complessivi 875 mq destinati a uffici, compresi gli spazi connettivi (corridoi e scale) e i servizi igienici;
  2. Complessivi 100 mq da adibire ad archivio cartaceo, anche suddivisi in spazi separati, con certificazione della portata dei solai per archivi compattati ai sensi delle NCT – 2018 e, se necessario, certificazione antincendio ai sensi delle norme vigenti;
  3. Circa 50/60 mq destinati a 2 sale riunioni per almeno 15/30 persone per ciascuna stanza;
  • Disponibilità di circa 37 postazioni di lavoro;
  • Disponibilità di servizi igienici in numero rapportato al personale, e per ogni piano almeno uno accessibile ai disabili;
  • In caso di Immobile situato su piano superiore al livello base di un edificio multipiano, presenza di almeno un ascensore ed accessi idonei per disabili;
  • L’Immobile, inoltre, dovrà essere dotato di:
  1. Impianto di riscaldamento in tutti gli ambienti (ad esclusione dei locali tecnici e di deposito);
  2. Impianto di raffrescamento o climatizzazione;
  3. Impianto di illuminazione dei posti di lavoro (UNI EN 12464-1:2011);
  4. Impianto di segnalazione antincendio, con illuminazione di emergenza e indicatori luminosi adeguati, per numero e tipologia, muniti di segnalazione indicativa delle vie di fuga e delle uscite di sicurezza (norma UNI EN 1838:2013) e, ove necessario, impianto antincendio (DM 22 febbraio 2006);
  5. Impianto di rete informatica con cablaggio strutturato;
  6. Infissi e serramenti conformi agli standard di sicurezza (norme UNI 7697:2014 e UNI 10818:2015);
  7. Predisposizione di ciascuna postazione di lavoro relativamente a linee elettriche, dati, telefoniche, e apparecchiature (stampanti, fotocopiatrici, scanner) in numero adeguato alle esigenze dell’Amministrazione.
  8. Tutti gli oneri per i collegamenti per l’approvvigionamento dei collegamenti TLC e per l’allaccio alle singole utenze (gas, acquedotto, rete elettrica, ecc.) devono essere a carico della Proprietà, che all’atto della consegna dell’immobile deve stipulare, o eventualmente volturare, i contratti a favore dell’Amministrazione subentrante.

C) Requisiti tecnico normativi:

  • Conformità agli strumenti urbanistici vigenti;
  • Conformità alla normativa in materia di edilizia;
  • L’Immobile deve essere agibile ai sensi degli artt. 24 e 25 del D.P.R. n. 380/2001, ovvero dotato di certificato di Agibilità o Segnalazione Certificata di Inizio Attività;
  • Destinazione ad uso compatibile con l’attività a cui è preposto: Uffici Pubblici aperti al pubblico – Categoria Catastale B/4;
  • Conformità dell’Immobile alla normativa vigente in materia di:
  1. Strutture portanti (portata minima solai uffici pari a 300 Kg/mq e portata minima solai archivi 600 kg/mq in conformità alle NTC 2018 e ss.mm.ii.);
  2. Abbattimento delle barriere architettoniche (L. n. 13/89 e ss.mm.ii., D.M. n. 236/89 – decreto ministeriale attuativo della L. n. 13/89, L. n. 104/92, D.P.R. n. 503/96);
  3. Sicurezza sui luoghi di lavoro (all. IV del D.Lgs. n. 81/2008 e ss.mm.ii, "Requisiti dei luoghi di lavoro");
  4. Conformità alla prevenzione incendi di cui al DM 22/02/2006 o analoga certificazione di normativa antincendio (Certificato Prevenzione Incendi - CPI; Segnalazione Certificata di inizio attività ai fini della sicurezza antincendio, art. 4 del D.P.R. 01/08/2011, n. 151 - SCIA);
  5. Normativa antisismica - Produrre il Documento di vulnerabilità sismica, di cui alle vigenti Norme Tecniche per le costruzioni - NTC2018, da cui si evinca in considerazione delle prescrizioni vigenti e le peculiarità dello stabile, in funzione dell’affluenza e dell’occupazione prevista, che l’immobile possiede un indice di resistenza sismica adeguato e conforme alle funzioni dell’Amministrazione in relazione alla classe d’uso corrispondente; qualora l’Immobile sia da sottoporre a lavori, la proprietà dovrà produrre in sede di offerta l'impegno ad effettuare i lavori di miglioramento necessari dando esplicita garanzia di raggiungere il livello richiesto di resistenza al sisma entro termini certi;
  • Conformità impiantistica (D.M. n. 37/2008 e ss.mm.ii.) di tutti gli impianti posti a servizio degli spazi locati (impianti di condizionamento, di riscaldamento e trattamento aria, certificato di conformità degli impianti elettrici e degli ascensori, ecc.);
  • Conformità agli standard di sicurezza degli infissi (norme UNI 7697:2014 e UNI 10818:2015).

DURATA DEL CONTRATTO

Il contratto di locazione dovrà avere una durata minima di sei anni, con previsione di decorrenza dal 30 dicembre 2022 al 29 dicembre 2028.

È escluso il rinnovo tacito del contratto alla scadenza.

Il conduttore, alla scadenza del primo periodo di 6 anni, avrà il diritto di rinnovare il contratto agli stessi patti e condizioni, tenuto conto delle variazioni del canone dovute agli aggiornamenti ISTAT verificatisi in vigenza del contratto stesso.

Sarà cura del conduttore, previo accertamento della sussistenza di ragioni di convenienza e di pubblico interesse per il rinnovo del contratto, comunicare, entro i 6 (sei) mesi precedenti la scadenza, la propria volontà di procedere al rinnovo del contratto medesimo, in conformità con le disposizioni di legge nel tempo vigenti in materia di locazioni passive della PA.

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

La manifestazione di interesse, sottoscritta dal proprietario dei locali e corredata della documentazione di seguito indicata, dovrà pervenire in busta chiusa, mediante raccomandata a/r all’Ispettorato Territoriale del lavoro di Udine-Pordenone, indirizzo Via Morpurgo, 22 – 33100 UDINE, ovvero mediante PEC all’indirizzo itl.udine-pordenone@pec.ispettorato.gov.it.

Per la compilazione seguire le istruzioni riferite al presente avviso che è stato pubblicato sul sito www.ispettorato.gov.it (sezione “Amministrazione trasparente” alla voce “Bandi di gara e contratti”).

Il termine per la presentazione delle manifestazioni di interesse è fissato alle ore 12 del giorno 30/04/2021.

Il canone annuo oggetto di offerta economica sarà soggetto alla valutazione di congruità da parte dell’Agenzia del Demanio, che fa presente che, ex art. 3 del D.L. n. 95/2012, convertito con modificazioni dalla L. n. 135/2012, che il predetto canone di locazione congruito verrà ridotto del 15% in fase di stipula del contratto. 

Riferimenti di contatto:

p.i. Claudio Scialino

+39 0432 507377


Orario dello sportello:

Da lunedì a venerdì, dalle 8:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18:30, attivabile a semplice chiamata